News Ticker

Le pieghe del cervello stampate in 3d

Un grande passo in avanti per la ricerca sull'origine di queste circonvoluzioni tipiche della corteccia cerebrale

Stampate per la prima volta in 3d le pieghe del cervello umano. Ci sono riusciti i ricercatori della Harvard University, che su Science Physics raccontano come hanno finalmente risolto il mistero sull’origine delle creste e solchi che caratterizzano la nostra corteccia celebrale. I ricercatori hanno dimostrato che la tipica forma di questo organo non è dovuta a un processo biologico, ma piuttosto a forze fisiche, o meglio a una compressione meccanica generata dalla crescita più veloce della corteccia cerebrale rispetto a quella della sottostante sostanza bianca.

Per ricostruire l’organo, Lakshminarayanan Mahadevan e il suo team si sono serviti di una stampante 3d e diversi tipi di gel gommosi. I ricercatori hanno poi immerso il cervello in un solvente liquido, notando che lo strato più esterno si gonfiava più rapidamente di quelli sottostanti, simulando la crescita della corteccia celebrale durante lo sviluppo fetale. Più precisamente, il tessuto corticale vorrebbe continuare a crescere, ma è ancorato alla sottostante sostanza bianca: e più la corteccia si espande, più si genera tensione che alla fine provoca il collasso del tessuto, portando alla formazione di pieghe e creste.

“Il passo successivo”, spiega Mahadevan, “sarà quello di associare queste modifiche strutturali al ai processi che avvengono a livello molecolare. Se penso alla forma delle pieghe in un cervello fetale allora sì, ci sono fenomeni molecolari: processi biochimici che spingono le cellule a muoversi, a dividersi, a cambiare forma”.

I risultati della ricerca, inoltre, potrebbero aiutare gli scienziati a capire meglio la grande varietà dei disturbi neurologici. “Questi dati potranno aiutarci a identificare i biomarcatori per la diagnosi precoce dei disturbi dello spettro autistico, schizofrenia e morbo di Alzheimer, e, in ultima analisi, di sviluppare strategie di trattamento più efficaci”. Ad esempio, alcuni disturbi come quelli dello spettro autistico e la schizofrenia sono associati alla poca o troppa connettività tra i neuroni. “Forse il grado di ripiegamento potrebbe influenzare il grado di connettività in modi che non abbiamo ancora capito del tutto”, ha concluso il ricercatore.

API-571 199-01 70-483 1z0-897 70-332 312-50 VCP550D 700-801 70-494 1z0-062 70-687 CISM CISSP CWSP-205 200-310 PMP 210-060 EX300 1z1-052 70-346 70-688 500-265 IIA-CIA-PART1 |  MB2-710 70-480 |  642-889 1V0-605 70-532 PMI-001 70-488 700-505 CAS-002 70-486 1Y0-401 300-101 640-911 640-916 |  040-444 cisa |  1z0-061 M2090-732 101 70-697 |  300-375 ICGB 1z0-218 642-997 IIA-CCSA 70-412 SY0-401 700-260 70-533 |  300-207 N10-006 CBAP 70-462 2V0-621 70-243 C9010-022 840-425 300-135 400-101 70-533 SPHR JN0-102 642-035 352-001 |  640-916 300-135 |  4A0-107 MB5-705 cas-002 |  70-461 MB2-712 PMI-RMP 300-475 648-244 70-980 |  648-232 IIA-CIA-PART3 |  300-320 200-105 500-801 000-218 CCA-500 CQA 500-007 2v0-621 |  300-075 70-680 210-260 NSE4 640-875 200-401 400-351 1z0-883 500-260 1z0-434 300-209 300-206 70-533 |  70-345 1z0-333