News Ticker

“Miles for haemophilia: you personal best”: riparte la campagna social per l’emofilia

Dopo il grande successo dell'edizione 2015, torna la campagna "Miles for Haemophilia: your personal best"

Scaldate i muscoli e sfidate l’emofilia. Riparte infatti la campagna social “Miles for haemophilia: you personal best”: fino al 30 settembre 2016 sarà possibile condividere i chilometri percorsi con l’attività sportiva (ciclismo, nuoto, corsa o qualunque altro sport o attività fisica) sui profili Facebook, Twitter e Instagram con l’hashtag #kmxemofilia e contribuire all’ambizioso obiettivo di quest’anno: arrivare a 17.152 chilometri, 1 in più rispetto al traguardo dell’anno scorso. Al raggiungimento di questo obiettivo, anche quest’anno Pfizer finanzierà la realizzazione di un progetto che favorisce la pratica di un’attività sportiva per i pazienti emofilici più giovani.

La campagna, promossa dalle Associazioni Pazienti FedEmo (Federazione delle Associazioni Emofilici) e Fondazione Paracelso e con il contributo incondizionato di Pfizer, ha l’obiettivo di creare consapevolezza e sensibilizzare il pubblico sull’emofilia e sull’importanza di praticare sport per migliorare la qualità di vita di chi ne soffre. “Anche quest’anno la Fondazione Paracelso sostiene con entusiasmo la campagna, augurandosi il superamento dei chilometri raggiunti l’anno scorso per permettere alle Associazioni di Pazienti Emofilici di presentare i progetti di attività sportiva”, ha dichiarato Andrea Buzzi, Presidente della Fondazione Paracelso. “Siamo sicuri del successo dell’iniziativa: tutti a condividere i chilometri percorsi attraverso la propria attività sportiva fino al 31 agosto”.

“Come Fedemo riteniamo che l’educazione alla pratica sportiva sia fondamentale per il benessere e il miglioramento della qualità della vita di ogni emofilico ove sussistano le condizioni fisiche”, ha dichiarato Cristina Cassone, Presidente Fedemo. “Per raggiungere questi obiettivi siamo attualmente impegnati con il Progetto Fedemo Sport insieme ad AICE, FIMS e Coni per la stesura di linee di raccomandazione finalizzate a disciplinare l’accesso alla pratica sportiva delle persone con emofilia in sinergia con il progetto Sa.Me.Da. Life per garantire che tali attività si svolgano in sicurezza”.

Quest’anno, per diffondere ancora di più la conoscenza della campagna, sarà possibile coinvolgere uno o più amici “nominandoli”, attraverso il tag, e invitandoli a partecipare alla raccolta dei chilometri. Anche chi non svolge attività fisica può contribuire al raggiungimento del traguardo, visitando la sezione dedicata alla campagna sul sito www.pfizer.it e cliccando “mi piace” sotto il contatore dei chilometri: a ogni “mi piace” corrisponde un chilometro donato. Il contatore verrà aggiornato quotidianamente con i chilometri donati e i “mi piace” ottenuti, per verificare quanta “strada” è stata fatta e quanta ne resta da fare per raggiungere la meta finale.

Raggiunto l’obiettivo, Pfizer donerà una somma non superiore a 10.000 euro per finanziare la realizzazione del miglior progetto presentato da un’Associazione di Pazienti Emofilici, che favorisca la pratica sportiva nei ragazzi e nei giovani adulti affetti da emofilia. Lo scorso anno la donazione messa a disposizione da Pfizer è stata assegnata al progetto “Un tuffo nel futuro”, dedicato al nuoto e alla pratica dei tuffi, presentato dall’Associazione Emofilici di Bologna e Provincia.